Mar

29

Il Disturbo Ossessivo – Compulsivo

Cosa sono le ossessioni?
Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo, criteri diagnostici – Le ossessioni sono idee, pensieri, impulsi o immagini persistenti vissute come intrusive e inappropriate e che causano ansia o disagio marcati. Ci si è riferiti alla qualità intrusiva delle ossessioni con il temine “egodistoniche”, che si riferisce alla sensazione dell’individuo che il contenuto delle ossessioni sia estraneo, non sia sotto il proprio controllo. Comunque l’individuo è capace di riconoscere che le ossessioni sono il prodotto della sua mente e non vengono imposte dall’esterno.

Le ossessioni più frequenti sono pensieri ripetitivi di contaminazione, dubbi ripetitivi, la necessità di avere le cose in un certo ordine, impulsi aggressivi e fantasie sessuali.
I pensieri, impulsi o immagini non sono solo preoccupazioni eccessive riguardanti problemi reali della vita. L’individuo con ossessioni di solito cerca di ignorare o sopprimere tali pensieri o di neutralizzarli con altri pensieri o azioni.

Cosa sono le compulsioni?
Le compulsioni sono comportamenti ripetitivi o azioni mentali il cui obbiettivo è quello di prevenire o ridurre l’ansia e non quello di fornire gratificazione. Nella maggior parte dei casi la persona si sente spinta a mettere in atto la compulsione per ridurre il disagio che accompagna un’ossessione o per prevenire qualche evento o situazione temuta. Per definizione le compulsioni sono chiaramente eccessive e non connesse in modo realistico con ciò che sono designate a neutralizzare o prevenire. Le compulsioni più comuni comprendono lavarsi, pulire, contare, controllare richiedere o pretendere rassicurazioni, ripetere azioni.

Per definizione gli adulti con disturbo ossessivo compulsivo hanno in qualche momento riconosciuto che le ossessioni o le compulsioni sono eccessive o irragionevoli. Quando tenta di resistere ad una compulsione l’individuo può avere la sensazione di aumento dell’ansia o della tensione che possono essere alleviate cedendo alla compulsione. Nel corso del disturbo dopo insuccessi ripetuti nel cercare di resistere a ossessioni o compulsioni l’individuo può cedere, non provare più il desiderio di resistere e incorporare le compulsioni nelle abitudini quotidiane.
Le ossessioni o le compulsioni devono causare disagio marcato, far consumare tempo o interferire con la routine dell’individuo, con il funzionamento lavorativo, con le relazioni con gli altri.
Poiché le intrusioni ossessive possono distrarre, frequentemente determinano insufficiente esecuzione dei compiti cognitivi che richiedono concentrazione, come leggere o calcolare.

Come riconoscere le ossessioni e le compulsioni?
In qualche momento nel corso del disturbo la persona ha riconosciuto che le ossessioni o le compulsioni sono eccessive o irragionevoli.
Le ossessioni o compulsioni causano disagio marcato, fanno consumare tempo (più di 1 ora al giorno, o interferiscono significativamente con le normali abitudini della persona, con il funzionamento lavorativo (o scolastico, o con le attività o relazioni sociali usuali. Se è presente un altro disturbo di Asse I il contenuto delle ossessioni o delle compulsioni non è limitato ad esso (per es., preoccupazione per il cibo in presenza di un Disturbo dell’Alimentazione; tirarsi i capelli in presenza di Tricotillomania; preoccupazione per il proprio aspetto nel Disturbo da Dismorfismo Corporeo; preoccupazione riguardante le sostanze nei Disturbi da Uso di Sostanze; preoccupazione di avere una grave malattia in presenza di Ipocondria; preoccupazione riguardante desideri o fantasie sessuali in presenza di una Parafilia; o ruminazioni di colpa in presenza di un Disturbo Depressivo Maggiore).

Il disturbo non è dovuto agli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per es., una droga di abuso, un farmaco) o di una condizione medica generale.

Manifestazioni e disturbi associati
Frequentemente è presente l’evitamento delle situazioni che riguardano il contenuto delle ossessioni, come lo sporco e la contaminazione. Sono comuni preoccupazioni ipocondriache, sentimenti di colpa, un senso della responsabilità patologica e disturbi del sonno. Può esservi abuso di alcool o di farmaci. La messa in atto delle compulsioni può diventare la principale attività.
Il disturbo ossessivo compulsivo può risultare associato con disturbo depressivo maggiore, d’ansia e dell’alimentazione. L’esordio è graduale e avviene di solito nella prima metà adulta, ma può iniziare nell’infanzia. Il decorso è cronico con alti e bassi, con esacerbazione dei sintomi e può essere in relazione con lo stress.

Dott.ssa Loretta Bezzi Studio di Psicologia e Psicoterapia
Via Mario Del Monaco, 9 – 61100 Pesaro (PU) | Via Falcone e Borsellino, 22 – 47827 Villa Verucchio (RN)
Cell. 333.295.63.48 – Fax 0541.672692
Partita Iva 02482600406 – Codice Fiscale BZZLTT62D41N294U – Iscr. Albo Reg. Emilia Romagna n.892
Posted in Ossessioni e compulsioni | Tagged , , , , | Leave a comment

Lascia un commento